Ultime notizie.

Breaking news: scoperte 250.000 tonnellate di ottimo extravergine.

OK, il messaggio è stato chiaro: 400 tonnellate di olio contraffatto. Lo ha scritto l'ANSA, lo hanno rilanciato le testate nazionali, regionali, locali, di quartiere, di palazzo, facebook, twitter, instagram... E se l'ho capito io, notoriamente lento di comprendonio, immagino lo abbiano ben capito tutti gli altri.

Ma come mai, cari amici dell'informazione del palazzo, del quartiere, di facebook, ecc., non scrivete la VERA notizia.

BREAKING NEWS: Scoperto, tra Calabria e Puglia, un traffico di circa 250.000 tonnellate di ottimo olio extravergine di oliva di elevata qualità. A spacciarlo, in confezioni di piccolo taglio, seri ed onesti produttori, ignari di quanto stesse accadendo e, quindi, in perfetta buona fede. Si pensa, dicono i bene informati, che una parte consistente di questo losco traffico (bottiglie di varia foggia, più o meno decorate) sia stato addirittura visto sugli scaffali gourmet di mezzo mondo, molto altro citato sulle grandi guide di settore e che una parte di esso abbia avuto pure il coraggio di trovare affermazioni ai concorsi oleari internazionali. State collegati, o come si dice adesso "stay tuned", per nuovi aggiornamenti.


Il Giappone dell'olio: i miti da sfatare.

Il Giappone dell'olio: i miti da sfatare.

Nei recenti giorni, dedicati in Giappone all'olio extravergine di oliva di qualità, sono stato ospitato quale membro della giuria e Panel Leader designato dalla Regione Calabria e dall'ARSAC (Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese) alla manifestazione internazionale "Olive Japan 2014" che premia i migliori extravergine al mondo.

La partecipazione al concorso, conclusosi il 27 aprile con un grande successo per l'olio extravergine italiano di alta qualità, è stata per me la ghiotta occasione per visitare ancora la terra del "Sol Levante".

Nei pochi ritagli di tempo, che la serratissima settimana dell'olio metteva a disposizione di noi giudici, non sono mancate le visite a supermercati e department store cittadini, utili per "tastare" il polso alle produzioni olearie in vendita in terra nipponica e delle quali si vocifera spesso senza cognizione di causa.

Tanti, forse troppi, i miti sfatati nel corso delle dette brevi "incursioni".

Si parla di un mercato giapponese esclusivo, ricco, attento alla qualità ed agli aspetti salutistici e nutrizionali degli alimenti, per dirlo in una parola, gente di "bocca buona". D'altronde quando si parla di pesce crudo (o sashimi, nell'idioma locale), di noodles, sushi roll o di nigiri, la qualità sensoriale è evidente ed è subito apprezzabile, anche da palati meno "evoluti", quali quelli di noi occidentali.

Ma questo, giuro, non me lo sarei mai aspettato: Olio Extravergine di Oliva (o almeno così dichiarato in etichette, visto che non ho avuto l'ardire di assaggiare queste produzioni), a costi molto bassi (prima delusione) e, spesso, a prezzo più contenuto degli omologhi grassi "da seme" (seconda e definitiva delusione).

E dei prezzi esorbitanti di cui si vocifera in giro? Quei prezzi di 20/30 euro nostrali per bottiglia da 500 ml?

Beh, anche quelli ci sono, ma introvabili nei comuni supermarket, preda esclusiva delle più fornite "Olioteche" e nella disponibilità di pochi. Proprio così, "Olioteche", con l'insegna scritta in un probabilistico italiano.

Ma torniamo ai prezzi.

Nelle foto allegate si può ben osservare come, in un comune supermercato del centro di Tokyo, un Extra Virgin Olive Oil costi tra i 513 yen (€ 3,60) ed i 1.008 yen (poco più di € 7,00 per una bottiglia da litro) contro un prezzo variabile tra 615 e 802 yen (sempre per una bottiglia da litro) nel caso di olio da seme (€ 4,30 e € 5,65 rispettivamente); mentre l'Olioteca, le zone gourmet o i mercati rionali, offrono un prodotto "Olio Extravergine di Oliva", a prezzi nettamente superiori (tra 1.600 e 2.000 yen/250 ml = € 11,00 - 14,00/250 ml).


Cosa dire a riguardo?

1^ Che la globalizzazione, come si può vedere negli esempi citati, esiste e con questa dobbiamo sempre fare i conti, sia che si tratti di olio extravergine di oliva tipico o biologico, o di un prodotto "normale", sia che si tratti di Europa o di Giappone.

2^ Che confondere il consumatore con troppe informazioni, spesso in contrasto tra loro, sugli oli da olive e le varie categorie merceologiche, spesso "inventate", genera confusione in Italia, immaginiamoci in un mercato meno maturo quale quello giapponese, dove le prime importazioni risalgono "solamente" ai primi anni '90 del secolo scorso.

3^ Che le favole, non esistono.


Come scivolare su di una buccia di banana.

Non cucinate con l'olio di oliva!

Ad affermarlo non è uno spot esplicito e diretto concepito da qualche copywriter a favore di produttori di burro o di olio da seme, quanto una ricerca scientifica condotta in Inghilterra e della durata di 15 anni.

Certo, in questo travagliato settore oleario si sentiva proprio la mancanza di una nuova provocazione, di un nuovo attacco verso il "Re dei Grassi".

A servirla su di un piatto d'argento, i tabloid inglesi "Daily Mail" e "The Telegraph".

Mangiare banane acerbe, non mangiare purè, non cucinare con olio d'oliva, per una dieta sana.

Questo, in sintesi, il titolo dell'articolo pubblicato sui giornali on-line britannici e che richiama quanto affermato dal professore di biochimica Rodney Bilton, che ha lavorato per 15 anni alla ricerca di una dieta sana, basata su prove scientifiche. Premesso che non ho nulla di personale contro le banane, frutta anche gradevole, ma la cui coltivazione porta con se inenarrabili atrocità (ma questa è un'altra storia), ne contro il puré di patate (che non amo particolarmente), ma che per una dieta sana occorra evitare la cottura con un generico "olio d'oliva", questo no, non posso farlo passare.

Senza scomodare fior fiori di ricercatori (il web ne è pieno, basta informarsi), o citare studi epidemiologici attendibili, a prima vista la ricerca inglese sembra fare il paio con l'etichetta a "semaforo" (opera emerita anche questa, dei "soliti" inglesi) da apporre sui prodotti alimentari e che assegna il colore rosso (pericolo) all'olio di oliva. Certo, è consolante (in parte), quanto dichiarato dal professor Bilton che consiglia di mangiare "olive e olio extravergine di oliva solo a crudo nelle insalate, piuttosto che nella cottura", ma è ben poca cosa paragonato al consiglio di "friggere come fanno i cinesi, con olio di oliva e acqua, per evitare il riscaldamento dell'olio e la conseguente produzione di sostanze chimiche tossiche".

Non entro in merito agli altri risultati della ricerca (non schiacciare le patate, bere acqua per ridurre il mal di schiena, diffidare dal tofu, nutrirsi come i Masai, il pericolo dei frullati), lascio volentieri ad altri questo compito, ma la mia perplessità è legittima: ho (abbiamo) forse sbagliato tutto? Io non credo, voi?


Don't cook with olive oil!

A suggest that comes from a British research, readily taken up by the tabloids. Extra virgin only for salads and for cooking? "Fry as do the Chinese, with olive oil and water"

The British research seemes a spot for butter or seed oil and a new attack on the "King of Fat": the extra virgin olive oil.

The British tabloid "Daily Mail" and "The Telegraph" published the results of this study: eating unripe bananas, mashed not eat, do not cook with olive oil, for a healthy diet.

This, in short, the title of the article published in the newspapers on-line that draws the British and what was said by biochemistry professor Rodney Bilton, who has worked for 15 years in search of a healthy diet, based on scientific evidence. 

I don't hate bananas, fruit also nice, but the cultivation of which brings with it untold atrocities (but that's another story), I compared the mashed potatoes (which I do not particularly like), but that for a healthy diet should avoid cooking with a generic "olive oil", no, I can not get through.

Sure, it's comforting (in part), as stated by Professor Bilton that recommend eating "olives and extra virgin olive oil only raw in salads rather than in the kitchen," but it is a very small thing compared to the advice to "fry as they do the Chinese, with olive oil and water, to avoid the heating of the oil and the consequent production of toxic chemicals."

Not later than for the other search results (do not mash the potatoes, drink water to reduce back pain, be wary of tofu, eat like the Masai, the danger of smoothies), I willingly leave to others the task, but my concern is legitimate: I (we) probably got it all wrong? I do not believe, you?

by Antonio G. Lauro


Attenti a quei due.

Attenti a quei due... Chi? 

Quando si tratta di scrivere sugli amici, come in questo caso, la celia è d'obbligo e scatta spontanea.

Attenti perché?

Innanzitutto perché oltre ad essere cari amici, sono anche due tra i più importanti assaggiatori internazionali di olio extravergine di oliva che la Calabria olivicola ha espresso in questi ultimi anni.

Il primo (n. 5 nella foto) è Rosario Franco, funzionario dell'ARSAC Calabria e della Regione Calabria, da anni impegnato con il secondo (n. 6), Carmelo Orlando (Funzionario ARSAC anche lui), in progetti nazionali ed internazionali sull'intera filiera dell'olio di oliva.

Ma questo impegno si concretizza anche attraverso l'attività di capo panel, espletata dagli stessi, in terra natia, nelle numerose attività fieristiche nazionali e mondiali cui partecipa la Regione Calabria e, come nel caso della foto, in attività internazionali quali la partecipazione - da oltre 10 anni e fin dall'esordio - al panel della rivista tedesca "Der Feinschmecker".

Cos'altro aggiungere... Attenti a quei due... O forse sarebbe meglio dire, attenti ai consigli di quei due, sempre illuminati e saggi.